Interstellar

Titolo Originale :
Interstellar
Anno di Produzione :
2014
Regista :
Christofer Nolan
Durata del Film :
169 min.
Genere :
9/10
8/10
8/10
8/10

Al largo dei bastioni di Orione

Il futuro della terra è segnato e con lui ogni forma di vita.
A seguito dei forti cambiamenti climatici le colture sono andate verso un lenta morte portandosi dietro anche l’uomo, a cui rimane l’unica soluzione possibile: trovare un nuovo pianeta abitabile.
Una risorta e clandestina agenzia spaziale, la Nasa, scopre un “warmhole” – un tunnel spazio temporale che potrebbe portare una nave spaziale in luoghi talmente remoti in cui potrebbero trovarsi pianeti adatti alla vita – e così invia una spedizione di scienziati con la speranza che questa ipotesi possa rivelarsi corretta.


Le correnti del Cyberspazio

Interstellar? Un film di serie B. Almeno, questo è quello che spesso risuona nelle correnti dello spazio… ehm, volevo dire “cyber” spazio.
Ora tutti hanno ben presente i precedenti lavori di Christopher Nolan di cui è regista e sceneggiatore, fra i quali il capolavoro de “Il Cavaliere Oscuro”; tutti si aspetterebbero un Interstellar all’altezza di tali film, invece potrebbero avere qualche amara sorpresa.
Il film contiene innumerevoli errori tecnici da far storcere il naso anche ai fan più fedeli del noto regista. Si va da errori di tipo tecnico a quelli di natura scientifica in campo astronomico; insomma, una pellicola che col noto regista e un cast “stellare” doveva essere un colossal per come è stata presentata, si rivela un mega flop a causa di certe leggerezza nel considerare la plausibilità di ciò che viene mostrato.


Plausibilità o Fantascienza?

Capisco bene come si possano sentire i fan più accaniti della fantascienza, trovandosi davanti uno scempio di tali proporzioni, dopo un’attesa che ha creato una quantità di Hype inimmaginabile, ma credo che sia un enorme errore pensarla in questo modo. Interstellar non è un film di serie B e non ha nulla da invidiare rispetto ad altro che negli anni si è visto.
Come citato poco sopra, Interstellar è stato considerato un film poco plausibile a causa di alcune scene in cui la fisica risultava poco veritiera, sono state derise certe scelte di come si è presentato l’ente spaziale della Nasa; insomma, una chermesse di nefandezze da far gridare al disastro. Ma tutte queste persone hanno pensato bene a quei film che da anni considerano le basi della loro crociata fantascientifica e di quali implausibili dettagli tecnici contengano? Un film di fantascienza non deve essere un documentario di come funziona la teoria della relatività, perché altrimenti verrebbe meno alle proprie origini di “fanta”-“scientifico”. Dubito che durante la visione di un film fantasy, come “Il signore degli anelli”, ci si chieda quanto possano essere plausibili Sauron, gli anelli magici, i draghi e gli Hobbit.

Commento Finale :

Interstellar non è il colossal alla 2001 Odissea nello spazio come molti si aspettavano, anche se contiene diverse analogie, ma è comunque un film piacevole da vedere e non stanca, considerando la durata di quasi 3 ore. Se si vuole vedere un film di fantascienza dove è predominante la componente emotiva e dove non ci sia quell'azione alla Guerra Stellari per intenderci, questo è uno di quei film che chiunque può vedere, anche chi non ha la passione per la fantascienza. Forse alla fine è questo il motivo per cui alla maggior parte dei fan di questo genere non è piaciuto, perché il film non è rivolto al solo pubblico di nicchia.
Autore dell'Articolo :

avatar

Nidduzzo


Pubblicato: 5/5/2015 alle 12:02

Leave a Reply


*